Outfit with my Pinko bag for Ethiopia

Pinko bag for Ethiopia. Buongiorno ragazze! Oggi vi mostro alcune foto scattate domenica mattina durante un giro per negozi con il Capitano. In queste foto vi presento la mia Pinko bag for Ethiopia gentilmente regalatami da Pinko durante il cocktail party di qualche settimana fa. La mia si chiama SURMA e prende il nome da una tribù del sud dell’Ethiopia. Inutile dirvi che l’adoro, il cotone 100% africano la rende morbidissima e la sua capienza perfetta come shopper ed utilissima per andare all’università o fare commissioni. Acquistando una Pinko bag for Ethiopia contribuiremo ad aiutare un paese sicuramente poco fortunato. Spero che le foto vi piacciano!
Un abbraccio Veronica

Pinko bag for Ethiopia

Le Pinko bag degli anni Novanta, furono per l’azienda un successo, milioni di borse hanno custodito sogni, giochi e speranze di un’intera generazione. La continuità del prodotto oggi si chiama Pinkobag for Ethiopia e rappresenta una nuova visione della moda: etica  non solo estetica. Marina Spadafora, stilista pioniera del design for Africa e Ambasciatrice Etica della Moda in Italia, è la creativa scelta da Pinko per dare vita alla nuova collezione di borse “Pinko bag for Ethiopia”. «Fashion with a mission è il mio credo – spiega la stilista – e ho voluto esprimerlo nelle Pinko bag for Ethiopia, i disegni ri- prodotti appartengono alle pitture corporee delle popolazioni indigene della Valle dell’Omo, oltre 16 etnie tutte diverse tra loro sono i Surma, i Mursi, i Kara, i Kwego, i Konso, e gli Arbore, piccole società arcaiche, animate da bellezza e coraggio e non toccate dalla civilizzazione. L’Africa sarà il futuro, l’artigianato locale è un immenso tesoro che vive in simbiosi con l’ambiente. Pinko Bag for Ethiopia può portare attenzione a questi popoli lontani e benefici per la loro salvaguardia».Pietro Negra presidente di Pinko: «Credo che la globalizzazione possa diventare un fattore positivo se saprà portare benessere a culture e popolazioni ai margini del mondo, e se in occidente riuscirà a stimolare la curiosità della gente. La moda non ha il solo fine di essere se stessa». Pinko aderisce al progetto Fashion for Development (F4D) – l’iniziativa umanistica mondiale per lo sviluppo nei paesi del terzo mondo attraverso la moda. F4D è riconosciuta e sostenuta dall’Onu e promuove la cultura e l’indipendenza econo- mica delle donne, custodi delle preziose tradizioni artigianali dei propri paesi.Pinko produce le Bag for Ethiopia, in cotone 100% africano, in una fabbrica di Adis Abeba ecologica e sostenibile: «Ma è comunque lavoro, non charity – precisa Marina Spadafora – e anche se a piccoli passi darà un grandioso contributo all’autonomia economica delle donne e alla riconquista del rispetto nelle loro società».
 
In the ‘90s the Pinko Bags were a big hit for the company, a source of pure fashion fun for an entire generation of women. Today’s version of the product – Pinko Bags for Ethiopia – enriches the original idea with a new messagge, where aesthet- ics and ethics merge. Marina Spadafora, pioneer behind Design for Africa and Ethical Fashion Ambassadress in Italy, is the designer that Pinko chose to ideate the Pinko Bags for Ethiopia collection. «Through this project I expressed my motto – Fashion with a mission – by reproducing on the bags the body painting signs and symbols typical of the primitive tribes still untouched by civilization who inhabit the Omo Valley in southern Ethiopia, 16 nomadic and seminomadic different ethnos among them the Surma, Mursi, Kara, Kwego, Konso and Arbore. Africa is our future, the local arts & crafts industry is a treasure chest of products in symbiosis with nature. Pinko Bags for Ethiopia aims to help safeguard both.»Pinko chairman Pietro Negra: «I think globalization can play a valuable role in bringing prosperity to distant cultures, to the far reaches of the earth, especially if we can pique the interest of people here in the West. Fashion need not be a mere end in itself.» Pinko participates actively in Fashion for Development (F4D), a global awareness project that seeks to foster economic growth and independence in Third World countries through the power of fashion. In full support of the United Nations Millen- nium Development Goals, F4D devotes particular attention to women as cultural caretakers of precious artisan traditions. The Pinko Bags for Ethiopia are made from 100% African cotton by a team of workers in an eco-sustainable factory in Adis Abeba. «This is a totally viable business, with no element of charity,» Marina Spadafora assures. «Little by little the women will acquire economic autonomy, along with a new sense of respect in their society.» 
 
 Shirt/: Oasap // Jeans: Zara //
Bag: Pinko bag for Ethiopia // Sunglasses & Rings: H&M // Watch: Casio // Bracelets: Tiffany  
______________________________________
 

0
5 Discussions on
“Outfit with my Pinko bag for Ethiopia”

Leave A Comment

Your email address will not be published.